Le avventure di Fiocco di neve

  • Regia: Andrés G. Schaer
  • Genere: Animazione
  • Paese: Spagna
  • Anno: 2011
  • Soggetto: Albert Val, Amèlia Mora
  • Sceneggiatura: Albert Val, Amèlia Mora
  • Fotografia: Sergi Bartrolí
  • Scenografia: Silvia Steinbrecht
  • Costumi: María Engo
  • Musiche: Zacarías M. de la Riva
  • Montaggio: Álex de Molina
  • Ufficio stampa: VIC Communication
  • Produttori: Julio Fernàndez
  • Una produzione: Castelao Producciones
  • Distribuzione: Notorious Pictures
  • Uscita in sala: 3 gennaio 2012

REGIA DI ANDRÉS G. SCHAER

 

90 min. / Animazione

 

SINOSSI


La vera storia di Fiocco di neve, l’unico gorilla bianco al mondo, arriva finalmente al cinema! Fiocco di neve è arrivato allo Zoo da cucciolo e da subito è diventato il gorilla più ammirato e coccolato dai visitatori del parco. Ma sempre a causa del colore della sua pelliccia, gli altri gorilla non lo considerano parte del gruppo e il suo unico e vero amico è il panda rosso Miguel. Fiocco di neve decide di partire con Miguel per una fantastica avventura alla ricerca della Strega del Nord, per chiederle di aiutarlo a diventare un gorilla nero come tutti gli altri. Scoprirà invece, strada facendo, che essere speciali non è poi così male!

 

CAST


Pere Ponce Luc de Sac
Elsa Pataky La strega del Nord
Claudia Abate Paula
Juan Sullà Leo

   

LA STORIA VERA DI FIOCCO DI NEVE


Il vero gorilla bianco da cui è ispirato il film, Fiocco di neve, fu trovato nella Guinea Equatoriale il 1 ottobre 1966. Quando venne trasferito allo Zoo di Barcellona, fece molto scalpore. Nel marzo 1967, Nfumi Ngui apparve sulla copertina del National Geographic Magazine e venne ribattezzato da tutti “Fiocco di neve”. Il nome gli rimase e presto Fiocco di neve divenne celebre in tutto il mondo come l'emblema dello Zoo di Barcellona tanto che lo Zoo sperò di poter avere un'intera famiglia di gorilla bianchi.

Nel corso degli anni lo Zoo di Barcellona ha ricevuto migliaia di lettere, che hanno reso Fiocco di neve uno degli animali più ammirati al mondo.
La sua particolarità gli salvò la vita e lo rese una leggenda.

Su Facebook esiste un gruppo chiamato “I saw Snowflake” (Ho visto Fiocco di neve) che conta oltre 100.000 fan, numero che può sembrare inaudito se non fosse che Fiocco di neve è stato un punto di riferimento, un simbolo e un amico per molte generazioni perché era una creatura amabile, affettuosa e pacifica. 

 

 

NOTE DI REGIA


Avete mai osservato un bambino mentre rimane affascinato da qualcosa? Spalanca gli occhi, rimane paralizzato, sembra quasi che non respiri per un attimo. Verrebbe quasi da chiedersi “È ancora vivo?”.
Beh, l'ho visto succedere ai miei figli e tutt'ora spesso succede anche a me...
Pensavo a questi momenti quando ho iniziato a preparare il film. Esattamente a questo. Non mi serviva pensare ad altro.
Già immaginavo come avrei spiato il pubblico da dietro le quinte per cogliere le reazioni ed emozioni durante la proiezione del film.
Avrei ottenuto quello che desideravo? E cosa ancora più difficile, ci sarei riuscito anche con gli adulti?
Non mi resta che chiederlo a voi...

 

Andrés G. Schaer