Ebrei a Roma

  • Regia: Gianfranco Pannone
  • Paese: Italia
  • Anno: 2012
  • Soggetto: Agostino Mellino, Gianfranco Pannone
  • Sceneggiatura: Agostino Mellino, Gianfranco Pannone
  • Fotografia: Tarek Ben Abdallah
  • Musiche: Rudy Gnutti, Evelina Meghnagi
  • Montaggio: Erika Manoni
  • Una produzione: Alessandro Bonifazi e Bruno Tribbioli con RAI Cinema
  • Ufficio stampa: VIC Communication
  • Distribuzione: Non ancora disponibile
  • Uscita in sala: Evento Speciale alla VII edizione del Festival Internazionale del Film di Roma

 

REGIA DI GIANFRANCO PANNONE


56 min. / HD colore

 

SINOSSI

 

La Comunità Ebraica di Roma, la più antica del mondo occidentale, raccontata attraverso varie testimonianze, in particolare di quelle di tre persone che rappresentano altrettante generazioni: David, Giovanni e Micaela.
L’anziano e indomito David anni fa è stato il braccio destro dell’ex Rabbino Capo Elio Toaff e, grazie all’attività commerciale di cui rappresenta la settima generazione, conosce molto bene la sua Roma, a cui guarda con sorniona laicità.
Giovanni, che ha quarant’anni, ha deciso di investire sull’enogastronomia ebraica e, come altri suoi coetanei, coltiva un forte sentimento religioso, in cui il mangiare kosher, cioè conforme alle leggi di Dio, come il rispetto dello shabbat e delle festività ebraiche, divengono anche riscoperta identitaria.
Micaela, madre trentenne, è guida turistica nel Ghetto di Roma, nel quale accompagna, non senza umorismo, i turisti stranieri, lungo un itinerario in cui scorrono le vicende drammatiche dei giudei de Roma, dalle persecuzioni dei papi alla Shoah.
Ma anzitutto in questi testimoni c’è l’orgoglio di rappresentare un pezzo di cultura ebraica passata e presente nel cuore di Roma.

 

I TESTIMONI


Ebrei a Roma traccia un affresco della Comunità Ebraica romana attraverso le interviste e i racconti di alcuni dei suoi protagonisti:

 

DAVID LIMENTANI – bottegaro (e anche altro...)
MICAELA PAVONCELLO – una guida turistica
GIOVANNI TERRACINA – un imprenditore enogastronomico

 

e inoltre

 

ROBERTO CALÒ  ispettore del Tempio Maggiore LEONELLO DEL MONTE – sommelier di vini kosher
CLAUDIO DI SEGNI  Direttore del Coro del Tempio Maggiore di Roma MASSIMO FINZI – medico
HAMOS GUETTA – imprenditore
EVELINA MEGHNAGI – artista
CLAUDIO PROCACCIA – storico e direttore del Dipartimento per i beni e le attività culturali della Comunità Ebraica di Roma
DANIELE REGARD – presidente Unione giovani ebrei d’Italia
ANGELO SERMONETA – presidente circolo ’48 Zì Raimondo
GIANCARLO TERRACINA – commerciante
TOBIA ZEVI – presidente Associazione di cultura ebraica Hans Jonas
YAEL FINZI – organizzatrice eventi
ALBERTO PAVONCELLO – insegnante
DANIELE TERRACINA – imprenditore
RICCARDO DI SEGNI – rabbino capo della Comunità Ebraica di Roma
RICCARDO PACIFICI – presidente della Comunità Ebraica di Roma
ALBERTO FUNARO – rabbino
BENCHABAT AMRAM – rabbino

 

NOTE DI REGIA


“... Avvicinarmi alla Roma ebraica con Agostino Mellino, che firma con me il soggetto di questo film documentario, è stata un’esperienza che mi ha arricchito molto. Sono sempre rimasto affascinato dalla cultura ebraica, tant’è che anni fa ho dedicato agli ebrei di Roma due cortometraggi, uno da allievo del Csc, l’altro per la Rai, sulle Leggi razziali. Oggi ne so forse più di ieri, ma di strada ce ne è ancora tanta da fare.... Quella che vi offro è una fotografia di un piccolo grande mondo miracolosamente vivo”.

 

Gianfranco Pannone

 

Questo film documentario è dedicato a Shlomo Venezia, uno dei pochi sopravvissuti alle deportazioni nazifasciste, morto il primo ottobre di quest'anno.