Novelle fatte al piano

Una produzione Aranciafilm
In collaborazione con Genus Bononiae-Musei nella Città, Fondazione Cinema per Roma, Cineteca di Bologna, Cooperativa culturale Giannino Stoppani


Novelle fatte al piano

allestimento e regia di Giorgio Diritti
con Luciano Manzalini e Daniele Furlati


drammaturgia, adattamento teatrale e aiuto regia Federica Iacobelli
montaggio video Paolo Marzoni
illustrazioni Chiara Carrer
musiche originali Daniele Furlati
tecnica Massimiliano Botti
promozione Monica Morleo

da Le Novelle fatte a Macchina di Gianni Rodari (Edizioni El)


Sono così ricche e così dense, le Novelle fatte a macchina di Gianni Rodari (Omegna 1920-Roma 1980), che la tentazione di raccontarle con linguaggi diversi è sempre forte. Da questa tentazione sono nate le Novelle fatte al piano: tre novelle riadattate a parole che sono ora dette ora suonate al piano nella riscrittura di Daniele Furlati e Federica Iacobelli. Tre novelle che disegnano tre mondi, tre degli infiniti universi rodariani. Da questa tentazione è nato anche il nuovo allestimento con la regia di Giorgio Diritti, regista pluripremiato con le due opere cinematografiche Il vento fa il suo giro e L'uomo che verrà. Nell'anno del duplice decennale Rodariano, Diritti porta nello spettacolo il linguaggio del cinema, associando, rimontando, giocando con immagini datate dagli anni Dieci agli anni Sessanta del Novecento per far rinascere l'universo rodariano sotto forma di una drammaturgia filmica e musicale creata a partire da fotogrammi di documentari e film muti con il contributo/prologo dell'artista Chiara Carrer.

Dalle Novelle fatte a macchina di Gianni Rodari alle Novelle fatte al piano.
 
Miss Universo diventa il poetico racconto di una Cenerentola di Modena che sogna di partire e di andare lontano e che nel suo sogno riesce ad arrivare persino a un Gran Ballo sul pianeta Venere. 
La guerra dei poeti è un intervallo divertissement in cui le asciutte poesie di Osvaldo e Alberto si trasformano in arie da strapazzo e di poetico non resta più niente. 
Piano Bill è come un western all'italiana dove i protagonisti sono un cowboy solitario e il suo pianoforte. E dove la musica di Bach è più potente delle pistole di uno sceriffo. 

“Le novelle fatte a macchina di Gianni Rodari” - afferma Giorgio Diritti - “sono una raccolta di storie dense e colte, un materiale ricco di riferimenti alla musica, al cinema, al fumetto, alla storia della letteratura di genere e del teatro. Abbiamo associato, rimontato, giocato con immagini datate dagli anni Dieci agli anni Sessanta del Novecento per far rinascere l’universo terrestre ed extraterreste rodariano sotto forma di una drammaturgia “filmica” e musicale, creata a partire da fotogrammi di documentari e film muti”.
“Novelle fatte al piano vuole essere un omaggio alla poetica visionaria di Gianni Rodari” - conclude Giorgio Diritti - “e alla magia stessa del cinema, per far ritrovare allo spettatore quello stupore infantile che è dentro ognuno di noi”.


Per maggiori info:
http://www.teatrobibliotecaquarticciolo.it/adon.pl?act=doc&doc=747
http://www.teatrotorbellamonaca.it/adon.pl?
http://www.youtube.com/watch?v=QEHPXFUD5BQ
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Video