Juliette

  • Regia: Pierre Godeau
  • Genere: Drammatico
  • Paese: Francia
  • Anno: 2013
  • Soggetto: Pierre Godeau, Saskia de Rothschild
  • Sceneggiatura: Pierre Godeau, Saskia de Rothschild
  • Fotografia: Muriel Cravatte
  • Scenografia: Stéphane Taillasson
  • Costumi: Judith de Luze
  • Musiche: Valérie Lindon per Ré Flexe Music
  • Montaggio: Thierry Derocles, Pierre Godeau, David Dan
  • Ufficio stampa: VIC Communication
  • Produttori: Nathalie Gastaldo, Philippe Godeau
  • Una produzione: LW Production, Pan-Européenne
  • Distribuzione: Wild Bunch
  • Uscita in sala: -

Alice nella Città
CONCORSO - International Premiere

Colore, 81 min.
 

REGIA
 

Pierre Godeau 


SINOSSI


Pierre Godeau ha realizzato cortometraggi e molte clip musicali - come quella di « Big Jet Plane » di Angus & Julia Stone – ed è stato supervisore musicale in 11 di queste, di cui 6 realizzate per suo padre Philippe Godeau, produttore. Di fatto Pierre sin da piccolo è in contatto con il mondo del cinema assistendo a molti set cinematografici e racconta di esser stato influenzato da molti registi incontrati nel corso della sua gioventù: “ [loro] quando passavano a casa m’incoraggiavano a « fare » soprattutto Jaco Van Dormael che mi consigliava : guarda più film possibili , fai girare la camera e inizia il montaggio”. Juliette è il suo primo lungometraggio.


CAST
 

Astrid Bergès-Frisbey Juliette
Féodor Atkine Padre di Juliette
Yannik Landrein Antoine
Elodie Bouchez Louise
Sébastien Houbani Gaétan
Roman Kolinka Charles
Nina Meurisse Lou
Yoli Fuller Paul
Manu Payet Oscar
Thomas Durand Gaspard
Camille Grandville Pilar
Abel Jafri Kimel


BIOGRAFIA DEL REGISTA
 

Ha realizzato cortometraggi e molte clip, come quella di « Big Jet Plane" d’Angus et Julia Stone » è stato supervisore musicale in 11 di queste, 6 realizzate per suo padre Philippe Godeau, produttore. Di fatto Pierre sin da piccolo è in contatto con il mondo del cinema assistendo a molti set cinematografici e racconta di esser stato influenzato  da molti registi incontrati nel corso della sua gioventù: “ [loro]  quando passavano a casa m’incoraggiavano a « fare » soprattutto Jaco Van Dormael che mi consigliava : guarda più film possibili , fai girare la camera e inizia il montaggio”.